Salvatore Bordonaro

Professore associato di Zootecnica generale e miglioramento genetico [AGR/17]
Ufficio: Via Valdisavoia, 5 - Piano terra, n° 35
Email: s.bordonaro@unict.it
Telefono: 095 4783489
Fax: 095 4783345
Orario di ricevimento: Martedì e giovedì dalle 09:00 alle 12:00


Nell'A.A. 1991/92 si laurea in Scienze Agrarie, indirizzo zootecnico, presso l'Università di Catania. Nello stesso anno consegue l'abilitazione all'esercizio della professione di Agronomo.
Subito dopo la laurea frequenta l'Istituto di Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali di Catania in qualità di collaboratore esterno, partecipando alle attività di studio e di ricerca svolte presso l'Istituto (oggi Sezione di Scienze delle Produzioni Animali del DACPA - Dipartimento di Scienze Agronomiche, Agrochimiche e delle Produzioni Animali).
Nel giugno del 1997 consegue il titolo di dottore di ricerca in “Scienze Zootecniche” discutendo la tesi dal titolo “Ricerche sui fattori che influenzano l'ingestione al pascolo di pecore in lattazione in sistemi di allevamento semi-estensivi”.
Nel 2000 Assegnista di ricerca nell'ambito del progetto “Caratterizzazione del germoplasma delle razze e popolazioni autoctone siciliane di interesse zootecnico e valorizzazione della loro biodiversità e delle loro produzioni lattiero-casearie”.
Nel 2001 assume servizio in qualità di ricercatore presso il D.A.C.P.A: Dipartimento di Scienze Agronomiche, Agrochimiche e delle Produzioni Animali della Facoltà di Agraria di Catania.
Nel 2014 assume servizio in qualità di Professore Associato presso il Di3A: Dipartimento di Agricoltura Alimentazione e Ambiente.
Dal 2001 al 2014  è stato docente a contratto presso la Facoltà di Agraria dell'Università degli Studi di Catania, per gli insegnamenti di - Zootecnica generale e miglioramento genetico nel corso di in Scienze e Tecnologie agrarie, sede di Catania e " Scienze e Tecnologie agrarie tropicali e sub-tropicali" sede di Ragusa.
Dal 1995 ha svolto attività di ricerca nel settore delle biotecnologie applicate al miglioramento genetico e alla caratterizzazione molecolare della biodiversità delle specie di interesse zootecnico anche con approccio proteomico. In particolare ha approfondito lo studio ai loci delle principali proteine del latte nelle specie bovina, caprina, asinina. Ha condotto la caratterizzazione genetica di razze e popolazioni di interesse zootecnico (bovine, caprine, equine, suine ed asinine) mediante marcatori microsatelliti, al fine di valutarne la variabilità genetica, assistere la selezione. Ha utilizzato marcatori SNPs, specie in ovini e caprini, ai loci latto-proteici, al fine di valutare la variabilità genetica, migliorare e tracciare le produzioni zootecniche. Ha caratterizzato la frazione proteica di latti individuali "non bovini" (di capra e di asina in particolare), anche mediante tecniche proteomiche, allo scopo di evidenziare polimorfismo proteico eventualmente associato a proprietà ipoallergeniche. Ha recentemente maturato esperienze nel sequenziamento dei loci latto-proteici e dei marcatori genetici della biodiversità (micorsatelliti, DNA mitocondriale, SNP)  al fine di ottenere informazioni sulla biodiversità e sulla filogenesi delle razze e popolazioni autoctone  siciliane.
Ha partecipato a diversi congressi e convegni nazionali ed internazionali.
Ha preso parte e prende parte in qualità di collaboratore o di responsabile di unità di ricerca a progetti di ricerca nazionali o europei.

Referente del Dipartimento Di3A per le attività di orientamento per la scelta dei corsi universitari

Referente del Dipartimento  per il Progetto Alternanza Scuola lavoro dell'Università di CT

Componente del Collegio di Disciplina Seconda Sezione (D.R. n.1440 del 03/05/2017) dell’Università di Catania

Componente del consiglio di dottorato di ricerca in Agricultural, Food, and Environmental Science

Componente della Giunta di Dipartimento.

E' coautore di oltre 100 pubblicazioni scientifiche.
E' membro della Associazione Scientifica di Produzioni Animali (A.S.P.A.).


visualizza le pubblicazioni
N.B. l'elevato numero di pubblicazioni può incidere sul tempo di caricamento della pagina
ANNO ACCADEMICO 2019/2020


ANNO ACCADEMICO 2018/2019


ANNO ACCADEMICO 2017/2018


ANNO ACCADEMICO 2016/2017


ANNO ACCADEMICO 2015/2016

- Ricerche sulla biodiversità in razze autoctone mediante marcatori genetici;
- Caratterizzazione della variabilità genetica dell'Asino Ragusano e di Pantelleria mediante marcatori molecolari microsatelliti;
- Caratterizzazione della variabilità genetica del cavallo Sanfratellano mediante marcatori genetici;
- Studio dell'assetto genetico del cavallo Purosangue Orientale mediante marcatori genetici finalizzato alla sua salvaguardia e valorizzazione;
- Progetto europeo Econogene "Sustainable conservation of animal genetic resources in marginal rural areas: integrating molecular genetics, socio-economics and geostatistical approaches";
- Caratterizzazione della frazione proteica del latte di razze e popolazioni asinine autoctone siciliane;
- Valutazione genetica del DNA mitocondriale, nella regione di controllo del d-Loop, nella popolazione equina Sanfratellana;
- Caratterizzazione morfologica e genetica della popolazione autoctona del suino allevato sui monti Nebrodi;
- Caratterizzazione ai loci delle caseine calcio-sensibili nella capra Rossa Mediterranea;
- Analisi del poliformismo genetico al locus MC1R nelle razze bovine autoctone siciliane;
 - Caratterizzazione genetica della popolazione di “Cavallo Siciliano” mediante marcatori micro satelliti;
- Caratterizzazione ai loci delle caseine calcio-sensibili nella capra Girgentana allevata in provincia di Messina;
- Carattetizzazione genetica della popolazione autoctona del suino allevato sui monti Nebrodi;
- Analisi della Variabilità genetica del DNA mitocondriale nella popolazione ovina Rocche del Crasto;
- Caratterizzazione genetica della razza Purosangue orientale e analisi della commistione genetica con il Purosangue Arabo mediante marcatori microsatelliti e DNA mitocondriale;
- Caratterizzazione genetico - funzionale di razze suine autoctone del Sud Italia per la valorizzazione dei prodotti tipici e per la conservazione della biodiversità;
- Valorizzazione delle produzioni lattiero-casearie siciliane, mediante applicazioni biomolecolari, chimiche e nutrigenomiche.