Presentazione del corso

L’industria alimentare è la prima industria in Europa per fatturato, numero di addetti e numero di aziende. In Italia l’industria alimentare richiede professionisti altamente qualificati per garantire la qualità, la sicurezza e l’innovazione dei prodotti alimentari che costituiscono il “made in Italy”, oltre che per progettare nuovi alimenti in grado di soddisfare le richieste dei consumatori, sempre più esigenti nel mercato internazionale.

In questo contesto, il corso di laurea in SCIENZE E TECNOLOGIE ALIMENTARI si propone la formazione di una figura professionale riconosciuta a livello nazionale e internazionale che abbia la possibilità di scegliere diverse opportunità di carriera.

In definitiva, obiettivo del corso di laurea è la formazione di laureati in grado di:
  • possedere una visione completa delle attività e delle problematiche della produzione, della trasformazione industriale e della conservazione dei prodotti alimentari “dal campo alla tavola”;
  • risolvere problemi applicativi lungo le filiere alimentari;
  • effettuare analisi dei prodotti alimentari, controllo di qualità e quantità delle materie prime, dei prodotti finiti, degli additivi, dei coadiuvanti tecnologici, dei semilavorati, degli imballaggi e di quanto altro attiene alla produzione e trasformazione degli alimenti;
  • gestire la sicurezza, la qualità e l’igiene degli alimenti;
  • analizzare gli aspetti economico-gestionali e di marketing delle imprese agroalimentari;
  • conoscere la normativa dei prodotti agroalimentari;
  • contribuire alla progettazione di prodotti alimentari innovativi con specifiche caratteristiche funzionali, nutrizionali e sensoriali;
  • sviluppare tecnologie innovative a ridotto impatto ambientale e ridotto consumo energetico per la conservazione, il condizionamento e la distribuzione degli alimenti.

 

ATTIVITÀ PROFESSIONALI

Il Tecnologo Alimentare può trovare occupazione nella produzione, trasformazione, conservazione, commercializzazione e somministrazione di alimenti e bevande e in aziende che producono ingredienti, additivi alimentari e coadiuvanti tecnologici.

Il Tecnologo Alimentare può operare negli enti pubblici e privati che conducono attività di analisi, controllo, certificazione per la tutela e la valorizzazione delle produzioni alimentari.

Il laureato, inoltre, può continuare il percorso formativo iscrivendosi ai Corsi di Laurea Magistrale attinenti al settore alimentare.

 

INSEGNAMENTI

Gli insegnamenti di base sono distribuiti tra il primo e il secondo anno. Dal terzo anno lo studente potrà scegliere tra due percorsi curriculari
  • Alimenti e salute
  • Valorizzazione dei prodotti tipici

caratterizzati da discipline e da obiettivi formativi diversificati.

PRIMO ANNO >
  • Matematica e statistica
  • Chimica generale
  • Fondamenti di fisica e macchine
  • Laboratorio di informatica
  • Chimica organica
  • Produzioni vegetali
  • Produzioni animali
  • Colloquio di Lingua Inglese
SECONDO ANNO >
  • Edifici agroindustriali
  • Fondamenti di chimica analitica
  • Biochimica generale
  • Economia e legislazione agroalimentare
  • Microbiologia generale e degli alimenti
  • Patologia e parassitologia degli alimenti
  • Economia dell’impresa agroalimentare
TERZO ANNO >
  • Fondamenti di operazioni unitarie
  • Chimica degli alimenti
  • Analisi chimiche, fisiche e sensoriali
  • Processi delle tecnologie alimentari.
  • Curriculum Alimenti e salute >
    • Biochimica della nutrizione
    • Microbiologia degli alimenti funzionali.
  • Curriculum Valorizzazione dei prodotti tipici >
    • Economia dei prodotti di qualità
    • Apicoltura e produzioni apistiche.

Sono inoltre previsti due insegnamenti a scelta dello studente e l’espletamento di un periodo di tirocinio formativo presso Enti o aziende convenzionate con l’Ateneo.