Giovanni Cascone

Professore ordinario di Costruzioni rurali e territorio agroforestale [AGR/10]
Ufficio: Via S. Sofia, 100 - 1° piano
Email: gcascone@unict.it
Telefono: 095 7147571
Fax: 095 7147600
Orario di ricevimento: Lunedì dalle 12:00 alle 13:00 | Mercoledì dalle 15:00 alle 16:00



Aggiornato in data 11/02/2020

Formazione e percorso accademico

Nell'anno accademico 1982-83 consegue la laurea in Ingegneria Civile riportando la votazione di 110/110 e lode.

Nel novembre 1983 inizia a collaborare alle attività scientifiche e didattiche che si svolgono presso l'Istituto di Topografia e Costruzioni Rurali della Facoltà di Agraria dell'Università di Catania.

Vince il concorso pubblico a posti di professore associato indetto con D.M. 28 luglio 1990 e dall'1 novembre 1992 al 31 dicembre 2001 ricopre il ruolo di professore associato presso la Facoltà di Agraria dell'Università di Catania nel settore scientifico-disciplinare G05C - "Costruzioni e impianti tecnici per l'agricoltura".

Dichiarato idoneo nella valutazione comparativa per professore ordinario indetta dall'Università di Milano con D.R. n.217 del 3 ottobre 2000, l'1 gennaio 2002 assume il ruolo di professore ordinario presso la stessa Facoltà di Agraria dell'Università di Catania, nel settore scientifico-disciplinare AGR/10 - "Costruzioni rurali e territorio agroforestale", afferendo al Dipartimento di Ingegneria Agraria.

Attività didattiche

Negli anni accademici 1987-88 e 1988-89, in qualità di professore a contratto (ai sensi dell'art.100 comma d del D.P.R. 11 luglio 1980, n.382), tiene presso la nuova Facoltà di Agraria dell’Università di Reggio Calabria l'insegnamento di "Costruzioni rurali e Topografia" nel Corso di Laurea in Scienze Agrarie.

Dall'anno accademico 1992-93 all'anno accademico 2000-2001 è titolare dell'insegnamento di "Costruzioni zootecniche" (6 CFU) e tiene per supplenza l'insegnamento di "Costruzioni e impianti per le colture protette" (6 CFU) presso il Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie della Facoltà di Agraria dell'Università di Catania.

Dall’anno accademico 1994-95 all’anno accademico 2009-2010 tiene per supplenza l'insegnamento monodisciplinare di "Costruzioni per l'agricoltura tropicale e subtropicale" (6 CFU) nell’ambito del Corso di Laurea triennale in Scienze e Tecnologie Agrarie Tropicali e Subtropicali attivato dalla Facoltà di Agraria dell’Università di Catania presso la sede decentrata di Ragusa.

Dall'anno accademico 2001-2002 a tutt’oggi ha la titolarità del corso monodisciplinare di ”Costruzioni per l'agricoltura” (6 CFU) nel corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie dell’Università di Catania.

Dall'anno accademico 2018-2019 a tutt’oggi ha la titolarità del corso monodisciplinare di ”Progettazione delle costruzioni rurali” (6 CFU) nel corso di Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie Agrarie dell’Università di Catania.

Affiliazioni scientifiche

Nel 1986 entra a far parte dell'Associazione Italiana di Genio Rurale (AIGR), successivamente denominata Associazione Italiana di Ingegneria Agraria (AIIA), aderendo alla Seconda Sezione Tecnica "Costruzioni agricole, tecniche d'installazione a tecnologie relative". Nello stesso anno entra a far parte dell’International Commission of Agricultural Engineering (CIGR) aderendo alla Seconda Sezione Tecnica “Farm buildings, equipment, structures and environment”. Successivamente si associa anche all'European Society of Agricultural Engineers (EurAgEng) e all’International Society of Horticultural Science (ISHS).

Principali incarichi accademici e attività istituzionali

Il 27 luglio 2004 è eletto Direttore del Dipartimento di Ingegneria Agraria dell'Università di Catania per il triennio accademico 2004-2007. In tale ruolo è stato rieletto per il successivo triennio accademico 2007-2010.

Il 22 maggio 2008 è eletto tra i sei rappresentanti dei docenti dell'Università di Catania in seno al Consiglio di Amministrazione della stessa Università per il triennio accademico 2008-2011.

Il 29 novembre 2010 è eletto Direttore, per il quadriennio accademico 2010-2014, del Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agroalimentari e Ambientali (DiGeSA) (formatosi per accorpamento del Dipartimento di Ingegneria Agraria con il Dipartimento di Scienze Economico-Agrarie ed Estimative e con il Dipartimento di Scienze e Tecnologie Fitosanitarie) dell’Università di Catania.

Su designazione del Senato Accademico e del Consiglio di Amministrazione dell'Università di Catania, il 12 settembre 2005 il Comitato dei Consorziati del Consorzio per la Ricerca nella Filiera Lattiero-Casearia (Co.R.Fi.La.C.) lo ha nominato componente del Comitato Scientifico del Co.R.Fi.La.C. per il quadriennio 2005-2009. Tale incarico gli è stato ulteriormente confermato per il quadriennio 2009-2013.

Con delibera del Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Ingegneria Agraria (AIIA), nell'ottobre 2004 è nominato rappresentante italiano nel Board della Seconda Sezione Tecnica "Farm buildings, equipment, structures and environment" della International Commission of Agricultural Engineering (CIGR). In tale veste è anche componente del Consiglio Direttivo dell'AIIA.

Il Consiglio Direttivo della CIGR nell’adunanza del 15 giugno 2010 lo ha eletto Segretario del Board della Seconda Sezione Tecnica "Farm buildings, equipment, structures and environment" per il quadriennio 2011-2014 e nell’adunanza del 18 settembre 2014, a conclusione del suo mandato di segretario, lo ha designato componente onorario del suddetto Board.

E' componente dell’International Working Group della Seconda Sezione Tecnica della CIGR su "Animal housing in hot climates" costituito nel giugno 2005. Il Board della Seconda Sezione Tecnica della CIGR nella seduta del 16 settembre 2014 lo ha nominato coordinatore di tale Working Group per il quadriennio 2015-2018.

Dall’anno accademico 1994-95 all’anno accademico 2013-14 ha fatto parte del Collegio dei docenti del Dottorato di ricerca in "Ingegneria Agraria" avente sede amministrativa presso l'Università di Catania. In seno a tale Collegio ha svolto le funzioni di segretario ed ha avuto la responsabilità di tutor per numerosi dottorandi.

Con Decreto Rettorale del 25 novembre 2015, prot. n. 148858, rep. Decreti 4241, è nominato Coordinatore del Collegio tecnico per l'edilizia dell'Università di Catania. Tale incarico gli è stato rinnovato con Decreto Rettorale del 28 aprile 2017, prot. n. 45127, rep. Decreti 1383 ed è a tutt'oggi ricoperto.

Ha partecipato attivamente alla vita della Facoltà di Agraria dell'Università di Catania fino alla sua disattivazione (anno 2012), collaborando ai lavori di numerose commissioni temporanee o permanenti istituite dal Consiglio di Facoltà. Inoltre, nel sessennio accademico 2002-08 ha svolto la funzione di delegato del Preside alla "Gestione e sviluppo delle infrastrutture della Facoltà”. Tale delega gli è stata rinnovata successivamente con la denominazione "Gestione edifici e impianti centralizzati della Facoltà”, fino alla data della disattivazione della Facoltà.

Nella sua attività di docente è responsabile delle attività scientifiche svolte da titolari di assegni di ricerca, è relatore di elaborati finali di laurea e di tesi sperimentali di laurea magistrale e segue gli studenti nello svolgimento del tirocinio.

Responsabilità di coordinamento di progetti di ricerca

Ha svolto e svolge attività di coordinamento di attività di ricerca nell’ambito di numerosi progetti. In particolare:

- è stato responsabile scientifico dell'unità di ricerca su "Materiali e tecniche per l'ottimizzazione del processo di solarizzazione del terreno sotto serra", afferente al progetto di ricerca biennale coordinato, finanziato dal CNR, sul tema "Sistemi e metodi di solarizzazione del terreno" di cui è stato coordinatore scientifico nazionale il prof. C. R. Fichera dell’Università di Reggio Calabria;

- è stato responsabile scientifico del programma di ricerca biennale su "Analisi dei flussi termici nel terreno sottoposto a solarizzazione" facente parte del progetto triennale su "Tecniche alternative alla fumigazione con bromuro di metile", finanziato nell'ambito del programma POM 1994-99 - Misura 2 del Fondo Sociale Europeo;

- è stato responsabile scientifico del sottoprogetto "Caratterizzazione termofisica dei materiali impiegati nelle coltivazioni sotto serra su substrati inerti" afferente al progetto di ricerca biennale dal titolo "Sistemi di coltivazione senza suolo per l'innovazione del processo produttivo nella serricoltura siciliana", attivato nell'ambito del programma POP Sicilia 1994-1999 Mis. 10.4, finanziato dal Fondo Sociale Europeo;

- è stato responsabile scientifico del sottoprogetto "Studio delle caratteristiche delle serre per il vivaismo" afferente al progetto di ricerca biennale dal titolo "Valorizzazione del germoplasma ortofloricolo siciliano e qualificazione del materiale di propagazione", attivato nell'ambito del programma POP Sicilia 1994-1999 Mis. 10.4, finanziato dal Fondo Sociale Europeo;

- è stato responsabile scientifico dell'unità di ricerca su "Efficacia di film plastici innovativi per la solarizzazione del terreno sotto serra", afferente al progetto biennale PRIN 2002, finanziato dal MIUR, dal titolo "Materiali plastici innovativi per la protezione delle colture e per la solarizzazione del terreno” di cui è stato coordinatore scientifico nazionale il prof. C. Manera dell’Università di Potenza;

- è stato coordinatore scientifico nazionale di un progetto biennale PRIN 2003, finanziato dal MIUR, dal titolo "Soluzioni edilizie, impianti ed attrezzature per il miglioramento del benessere degli animali negli allevamenti intensivi", nell'ambito del quale ha svolto anche il ruolo di responsabile scientifico dell’unità unità di ricerca su "Costruzioni per l'allevamento di bovine da latte e ricoveri per ovini: soluzioni edilizie appropriate per il benessere degli animali";

- è stato responsabile scientifico di un obiettivo di ricerca su "Tecniche innovative per la disinfestazione del terreno" nell'ambito del progetto triennale PON-Agroindustria, co-finanziato dall’Unione Europea;

- è stato responsabile scientifico di un obiettivo di ricerca su "Verifica del modello descrittivo per teli di pacciamatura attraverso campi sperimentali" nell'ambito del progetto triennale PON-Ambiente, co-finanziato dall’Unione Europea;

- è stato responsabile scientifico di una unità di ricerca nell'ambito del progetto biennale Herodot - Programma Interreg IIIB - Archimed 2000-06 dal titolo "Tourism uses  of the historic environment know-how transfer and quality management practices at community level", finanziato dall’Unione Europea;

- è stato responsabile del progetto annuale “La tenuta Fegotto di Chiaramonte Gulfi (Ragusa), esempio di villaggio industriale e “fossile guida” per la conoscenza della cultura tecnico-scientifica tra ‘800 e ‘900”, finanziato dal MIUR;

- è stato responsabile scientifico dell'unità di ricerca su “Tecniche innovative di monitoraggio a distanza per l’analisi del comportamento di bovine da latte in edifici con sistema automatico di mungitura”, afferente al progetto biennale PRIN 2008, finanziato dal MIUR, dal titolo "Integrazione di sistemi tecnologici innovativi per il monitoraggio a distanza di animali di cui è stato coordinatore scientifico nazionale il prof. M. Barbari dell’Università di Firenze;

- è stato responsabile scientifico del progetto di ricerca biennale dal titolo “Metodologie innovative per la lotta alla tristeza degli agrumi”, finanziato dall’Assessorato Risorse Agricole e Alimentari della Regione Sicilia.


visualizza le pubblicazioni
N.B. l'elevato numero di pubblicazioni può incidere sul tempo di caricamento della pagina
ANNO ACCADEMICO 2019/2020


ANNO ACCADEMICO 2018/2019


ANNO ACCADEMICO 2017/2018


ANNO ACCADEMICO 2016/2017


ANNO ACCADEMICO 2015/2016

Ha svolto e svolge ricerche su diverse tematiche afferenti al settore scientifico delle "Costruzioni rurali e territorio agroforestale". In particolare, i principali temi trattati sono:

- condizioni ambientali interne ai fabbricati zootecnici, con specifico riferimento alla modellazione del microclima interno, al benessere degli animali, alla funzionalità degli spazi e delle attrezzature e alla sicurezza dei lavoratori;

- applicazione delle tecnologie informatiche e della comunicazione agli edifici zootecnici per l’analisi del comportamento degli animali stabulati in allevamenti intensivi;

- controllo microclimatico e ottimizzazione costruttiva e strutturale delle serre e degli impianti a tendone per vigneto;

- materiali, metodi e analisi energetiche per l'ottimizzazione della tecnica di solarizzazione del terreno sotto serra;

- applicazione delle tecnologie informatiche e della comunicazione per la tracciabilità delle piante certificate;

- caratteristiche costruttive e funzionali degli edifici per la lavorazione e trasformazione dei prodotti agricoli, con particolare attenzione ai temi del comportamento energetico degli edifici, dell’igiene degli alimenti e delle condizioni di benessere e salute degli operatori;

- caratteristiche costruttive e funzionali degli edifici rurali tradizionali, con particolare riguardo alle tecniche di interpretazione e valorizzazione, ai metodi di recupero e riuso funzionale e agli interventi di consolidamento strutturale necessari in zona sismica