TUTELA E GESTIONE DELLE ACQUE

Anno accademico 2020/2021 - 3° anno - Curriculum Tutela e valorizzazione del territorio
Docenti Crediti: 12
SSD
  • AGR/08 - Idraulica agraria e sistemazioni idraulico-forestali
  • ICAR/03 - Ingegneria sanitaria ambientale
Lingua di insegnamento: Italiano
Organizzazione didattica: 300 ore d'impegno totale, 188 di studio individuale, 56 di lezione frontale, 56 di esercitazione
Semestre:
APRI IN FORMATO PDF

Obiettivi formativi

  • IDROLOGIA E GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE

    Il corso ha l’obiettivo di analizzare la gestione sostenibile delle risorse idriche in ambiente agricolo, attraverso lo studio dei processi idrologici. Nel corso delle lezioni saranno trattate tematiche relative all’idrologia superficie e sotterranea, agli scambi di massa e di energia che interessano il sistema continuo suolo-pianta-atmosfera, alle tecniche di gestione delle risorse idriche finalizzate al risparmio, tra cui quelle deficitaria. Verrà esaminata, nel corso delle lezioni, la possibilità di riutilizzare in agricoltura risorse non convenzionali (tra cui le acque reflue urbane); saranno esaminate tecniche di monitoraggio degli agro-ecosistemi attraverso il telerilevamento satellitare; saranno trattate tecniche mini-invasive per il monitoraggio dello stato idrico del suolo.

  • INGEGNERIA SANITARIA AMBIENTALE

    Il corso ha la finalità di fornire le conoscenze di base inerenti i fenomeni di inquinamento ambientale nonché i principi e gli strumenti per prevenirne, controllarne o ridurne l’impatto. Le tematiche trattate durante il corso riguarderanno principalmente la normativa ambientale, l’interazione tra i contaminanti ed i diversi comparti ambientali e le tecnologie per poterle risanare. Saranno altresì trattate criticamente la problematica dei rifiuti e le strategie per una loro gestione integrata e trattamento. Verrà quindi esaminata la tematica dei trattamenti di depurazione delle acque reflue.


Modalità di svolgimento dell'insegnamento

  • IDROLOGIA E GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE

    L'insegnamento prevede lezioni frontali ed esercitazioni. Queste ultime sono relative predisposizione di uno studio idrologico. Si prevede di effettuare esercitazioni (funzionali allo studio idrologico) in ambiente GIS.
    Qualora l'insegnamento venisse impartito in modalità mista o a distanza potranno essere introdotte le necessarie variazioni rispetto a quanto dichiarato in precedenza, al fine di rispettare il programma previsto e riportato nel syllabus.

  • INGEGNERIA SANITARIA AMBIENTALE

    L’insegnamento prevede lezioni frontali ed analisi critica delle tematiche affrontate, casi studio ed esercitazioni (in aula e a distanza).

    Qualora l'insegnamento venisse impartito in modalità mista o a distanza potranno essere introdotte le necessarie variazioni rispetto a quanto dichiarato in precedenza, al fine di rispettare il programma previsto e riportato nel syllabus.


Prerequisiti richiesti

  • IDROLOGIA E GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE

    Si richiedono conoscenze di Idraulica Ambientale

  • INGEGNERIA SANITARIA AMBIENTALE

    Nessun prerequisito obbligatorio.


Frequenza lezioni

  • IDROLOGIA E GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE

    Non obbligatoria. Le presenze sono rilevate settimanalmente solo per fini statistici e di valutazione
    del corso

  • INGEGNERIA SANITARIA AMBIENTALE

    Benché non obbligatoria, la frequenza delle lezioni è fortemente consigliata in quanto coerente con il modello formativo proposto che mira a favorire l'apprendimento graduale, la partecipazione attiva dello studente in aula (o a distanza) ed il dialogo tra docente e studenti.


Contenuti del corso

  • IDROLOGIA E GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE

    Idrologia: Il bacino idrografico (caratteri generali, elementi di morfometria, definizione di torrente
    e classificazioni); Idrologia delle piene (elementi di statistica, pluviometria, deflussi superficiali,
    stima delle portate di piena). Gestione delle risorse idriche: L’acqua nell’agricoltura sostenibile
    (l’acqua, l’agricoltura e l’ambiente, i cambiamenti climatici); Le esigenze idriche delle colture
    (analisi del processo evapotraspirativo, le tecniche micro meteorologiche; i metodi geoelettrici
    applicati allo studio del processo di uptake radicale di acqua e nutrienti; il sap flow); Tecniche di
    irrigazione deficitaria (Regulated Deficit Irrigation, Partial root-zone drying); Nuove tecnologie per
    la stima dei fabbisogni irrigui a scala aziendale e di comprensorio (il telerilevamento); Il
    Monitoraggio dello stato idrico del suolo (rapporti acqua-terreno; caratterizzazione idraulica di
    suoli); Qualità delle acque per uso irriguo (impiego di acque reflue urbane depurate, tecniche di
    fitodepurazione).

  • INGEGNERIA SANITARIA AMBIENTALE

    Normativa ambientale. Il D.Lgs. 152/2006 (Testo unico ambientale) ed allegati tecnici. I contaminanti ambientali: classificazione e proprietà. Fenomeni di inquinamento. Cenni di tossicologia e analisi di rischio. Cenni di dinamica degli inquinanti e bonifica di siti contaminati. Trattamenti di bonifica di acque sotterranee contaminate. La gestione dei Rifiuti Solidi Urbani (RSU): evoluzione problematiche e strategie. Risparmio idrico.

    Caratteristiche delle acque reflue. Stima delle portate reflue. BOD. Autodepurazione. La depurazione delle acque reflue: Schemi di trattamento di depurazione. Trattamenti primari: la sedimentazione. Trattamenti secondari biologici. Linea trattamento fanghi. Trattamenti di disinfezione. Impianti di depurazione per piccole comunità.


Testi di riferimento

  • IDROLOGIA E GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE

    1. McGraw-Hill, 2013

    Idraulica e Idrologia per le scienze agrarie, ambientali e forestali

    Vito ferro

    2. Hoepli, 2010

    Conducibilità idraulica del suolo

    Bagarello e Iovino

    3. Edagricole Università & Formazione, 2015

    L’acqua in agricoltura

    Marcello Mastrorilli

    4. Dipartimento di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente

    Dispense distribuite durante il corso

    Consoli Simona

  • INGEGNERIA SANITARIA AMBIENTALE

    1. Vagliasindi F.G.A., Falciglia P.P., Longo G., Roccaro P., Santamaria A., Zito D.. Progettazione di impianti di trattamento per il controllo del rischio ambientale. Edizioni CSISA anno 2012. ISBN: 88-7850-012-7.

    2. Luca Bonomo. Bonifica di siti contaminati. Caratterizzazione e tecnologie di risanamento. McGraw-Hill.

    3. Luca Bonomo. Trattamenti delle acque reflue. McGraw-Hill.

    4. Metcalf & Eddy. Ingegneria delle acque reflue, trattamento e riuso. McGraw-Hill.


Programmazione del corso

IDROLOGIA E GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE
 ArgomentiRiferimenti testi
1Curva di probabilità pluviometricaFerro V. 2013 + dispense distribuite durante il corso 
2Portate di pienaFerro V. 2013 + dispense distribuite durante il corso 
3Idrologia del suoloBagarello e Iovino 2010 
4Irrigazione deficitariaMastrorilli M. 2010 + dispense distribuite durante il corso 
5EvapotraspirazioneMastrorilli M. 2010 + dispense distribuite durante il corso 
INGEGNERIA SANITARIA AMBIENTALE
 ArgomentiRiferimenti testi
1Normativa ambientale. Il D.Lgs. 152/2006 (Testo unico ambientale) ed allegati tecnici. I contaminanti ambientali: classificazione e proprietà. Fenomeni di inquinamento. Cenni di tossicologia e analisi di rischio. Cenni di dinamica degli inquinanti e bonifica di siti contaminati. Trattamenti di bonifica di acque sotterranee contaminate. La gestione dei Rifiuti Solidi Urbani (RSU): evoluzione problematiche e strategie. Risparmio idrico.1, 2. Dispense corso. 
2Caratteristiche delle acque reflue. Stima delle portate reflue. BOD. Autodepurazione. La depurazione delle acque reflue: Schemi di trattamento di depurazione. Trattamenti primari: la sedimentazione. Trattamenti secondari biologici. Linea trattamento fanghi. Trattamenti di disinfezione. Impianti di depurazione per piccole comunità.3, 4. Dispense corso 

Verifica dell'apprendimento

Modalità di verifica dell'apprendimento

  • IDROLOGIA E GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE

    Gli studenti frequentanti il corso sosterranno due prove scritte, la prima a conclusione dello studio idrologico, la seconda (alla fine delle lezioni) tratterà la parte di programma relativa alla gestione delle risorse idriche. La verifica dell’apprendimento potrà essere effettuata anche per via telematica, qualora le condizioni lo dovessero richiedere.

    Gli studenti che non supereranno (cioè avranno ottenuto una votazione inferiore a 18/30) la prova dovranno sostenere
    l'esame orale (di tutto il modulo o solo di parte di questo, a seconda che si è o meno superata una delle due prove).
    La prova scritta si svolgera' esclusivamente secondo le modalità prima riportate; tutti gli altri
    appelli d'esame per il modulo prevederanno esclusivamente un colloquio orale.

  • INGEGNERIA SANITARIA AMBIENTALE

    Gli studenti frequentanti il corso possono sostenere una prova in itinere ed una finale; gli studenti che non supereranno una o entrambe le prove dovranno sostenere l'esame orale (di tutto il modulo Ingegneria Sanitaria Ambientale o solo parte di questo). Tutti gli altri appelli d'esame prevedono esclusivamente un colloquio orale.

    La verifica dell’apprendimento potrà essere effettuata anche per via telematica, qualora le condizioni lo dovessero richiedere.


Esempi di domande e/o esercizi frequenti

  • IDROLOGIA E GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE

    Metodi di stima dell'evapotraspirazione colturale;
    Significato di ritenzione idrica del suolo;
    Determinazione della curva di probabilità pluviometrica;
    Metodo razionale per la determinazione della portata di piena di un bacino.

  • INGEGNERIA SANITARIA AMBIENTALE

    Relazionare sui principali aspetti tecnici applicativi del D.Lgs. 152/2006.

    Descrivere i principali contaminanti ambientali, loro proprietà e scenari di contaminazione.

    Descrivere i principali inquinanti presenti nelle acque reflue domestiche.

    Illustrate un sistema di gestione dei RSU con recupero di materia ed energia.

    Illustrate una tecnica di risanamento per acque sotterranee contaminate.

    Descrivere una delle principali unità (e relativi processi) a servizio di un impianto di trattamento delle acque reflue.

    Illustrare il processo di depurazione biologico a fanghi attivi.

    Principali strumenti per il conseguimento del risparmio idrico urbano in ambito domestico.