Umberto Anastasi

Ricercatore di Agronomia e coltivazioni erbacee [AGR/02]
Ufficio: Via Valdisavoia, 5 - 2° piano, n.32
Email: umberto.anastasi@unict.it
Telefono: 095 4783461
Mobile: +39.3383702831
Fax: 095 4783449
Umberto Anastasi
umbertoanastasi63
Orario di ricevimento: Mercoledì e giovedì dalle 10:00 alle 12:00


Posizione attuale

Umberto Anastasi Ph.D., è ricercatore del settore concorsuale “Agronomia e Sistemi Colturali Erbacei ed Ortofloricoli” (SC 07/B1, settore scientifico-disciplinare “Agronomia e coltivazioni erbacee” (SSD AGR/02). E'  professore aggregato di “Agronomia e coltivazioni erbacee” (corso integrato Produzioni vegetali), nel corso di laurea in “Scienze e Tecnologie Alimentari” (L26) e di "Agronomia Ambientale ed Ecologia" (corso integrato Botanica e Agronomia ambientale), nel corso di laurea in "Pianificazione e Tutela del Territorio e del Paesaggio" (L21).

Itinerario culturale e professionale

Umberto Anastasi,si è iscritto, nell’A.A. 1983/84, al Corso di laurea in Scienze Agrarie presso la Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Catania dove, tra maggio 1984 e giugno 1988, da studente, è stato anche contrattista all’Istituto di Agronomia generale e coltivazioni erbacee, collaborando a diverse ricerche di carattere agronomico.

Nel luglio 1988,  dichiarato vincitore di concorso pubblico,  ha assunto servizio nel ruolo tecnico presso l'Istituto di Agronomia generale e coltivazioni erbacee della Facoltà di Agraria dell’Ateneo di Reggio Calabria.

Nell’A.A. 1992/93, ha conseguito la laurea in Scienze agrarie (Produzione vegetale) cum laude, discutendo la tesi sperimentale: “Un quadriennio di ricerche sulla determinazione di un modello di risposta biologica ed agronomica del colza da olio (Brassica napus L. var. oleifera D.C.) ai fattori climatici”.

Nel 1994 ha conseguito l’abilitazione all’esercizio della professione di agronomo.

Nel 1995 ha partecipato al concorso per l’ammissione al Corso di Dottorato di ricerca in “Biotecnologie degli Alimenti” (X ciclo);  risultato vincitore, ha svolto attività scientifica per un triennio (1995-98), nell’ambito del curriculum “Tecniche agronomiche innovative per produzioni agro-industriali”, presso l'Istituto di Agronomia generale e coltivazioni erbacee dell’Università di Catania. Durante il dottorato ha frequentato anche i laboratori dell’Istituto di Microbiologia e Tecnologia Agraria e Forestale presso l’Ateneo di Reggio Calabria per l’approfondimento delle metodologie analitiche cromatografiche di analisi delle sostanze lipidiche.

Nel 1996 (05-08 marzo) ha frequentato il X Corso di aggiornamento sulle “Tecniche cromatografiche ed elettroforetiche” (Istituto di Cromatografia, CNR -Roma). Nel medesimo anno (16 settembre-05 ottobre) ha frequentato il XVIII Corso di “Metodologia statistica per la ricerca biologica di base ed applicata” (Società Italiana di Biometria, Cortona - AR). 

Nel 1998 ha conseguito il titolo di Dottore di ricerca presentando, presso l’Università degli Studi di Bologna, la dissertazione finale dal titolo: “Effetti dell’epoca di semina autunno-vernina e del regime idrico sul comportamento bioagronomico e sulla composizione lipidica degli acheni del girasole”.

Rientrato in servizio nel ruolo tecnico, presso l’Ateneo di Reggio Calabria, nel dicembre (04-07) 2000 e nel gennaio (09-12) 2001 ha frequentato il Corso di formazione su “L’attuazione dei decreti legislativi n. 626/94 e n. 242/96 per la sicurezza dei luoghi di lavoro” (Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione, Reggio Calabria). Nel 2001 (06 marzo-28 giugno) ha frequentato anche il Corso di aggiornamento d’informatica “Automazione d’ufficio”, (Università Mediterranea di Reggio Calabria).

Nel 2001 ha, inoltre, conseguito l’abilitazione all’insegnamento per la classe di concorso A012 (Chimica Agraria) nel Concorso Ordinario, per esami e titoli, a Cattedre nelle Scuole ed Istituti Statali di istruzione secondaria di 1° e 2° grado (Sovrintendenza Scolastica Regione Sicilia, Palermo).

Dall’A.A. 2000/01 è stato annualmente nominato cultore della materia per le discipline del Settore Scientifico Disciplinare (SSD) AGR/02 (Agronomia e Coltivazioni erbacee) presso la Facoltà di Agraria dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria.

Nel 2003 (22-27 settembre) ha frequentato il Corso di “Crop Physiology” (Società Italiana di Agronomia - Dipartimento di Scienze Agronomiche, Agrochimiche e delle Produzioni animali, Università di Catania).

Nel 2005 ha partecipato alla valutazione comparativa ad un posto di ricercatore universitario  per il SSD AGR/02 alla Facoltà di Agraria dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, e risultato vincitore ha assunto servizio dal 01.11.2005, presso la medesima Facoltà, afferendo al Dipartimento di Gestione dei Sistemi Agrari e Forestali.

Da novembre 2007 a giugno 2008, ha partecipato al percorso formativo “Gestione operativa delle attività di ricerca” nell’ambito del Progetto F.I.O.R.I. (Formazione Intervento Organizzativo per la Ricerca e l’Innovazione) promosso dal MIUR.

Nel novembre 2010 ha partecipato alla procedura per la copertura mediante trasferimento di un posto di ricercatore universitario SSD AGR/02 (Agronomia e Coltivazioni erbacee) presso la Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Catania; risultato vincitore, ha assunto servizio, nel rispettivo ruolo dal 31.12.2010, presso la medesima Facoltà, afferendo al Dipartimento di Scienze delle Produzioni Agrarie e Alimentari (DISPA), oggi Dipartimento di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente (Dì3A).

Umberto Anastasi Ph.D., è ricercatore del settore concorsuale “Agronomia e Sistemi Colturali Erbacei ed Ortofloricoli” (SC 07/B1, settore scientifico-disciplinare “Agronomia e coltivazioni erbacee” (SSD AGR/02) presso il Dipartimento di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente (Di3A) dell’Università degli Studi di Catania. L’attività scientifica del dott. Anastasi è indirizzata allo studio delle relazioni tra condizioni climatiche, interventi agronomici e caratteristiche produttive e qualitative in colture erbacee attualmente e potenzialmente importanti per la sostenibilità dei sistemi colturali in ambiente semiarido mediterraneo. In colture alimentari e non (colza, girasole, lino, cotone, frumento, orzo, fava, lenticchia, cicerchia, colture foraggere ed altre) è stata studiata la possibilità di incrementare la produzione areica e la qualità del prodotto attraverso strategie ecofisiologiche e agronomiche di adattamento alle limitazioni ambientali (siccità ed eccessi termici, salinità) ricorrenti nel meridione italiano. Si è interessato anche di studio dell’erosione del suolo in rapporto alla gestione agronomica, e di valorizzazione agronomica di reflui delle industrie olearie e agrumarie come fertilizzanti in sistemi colturali mediterranei. Recentemente l’attività di ricerca di U. Anastasi è stata rivolta anche allo studio della possibilità di introduzione della coltivazione del Guar in Sicilia; alla valutazione degli effetti delle cover crops nei frutteti; alla messa a punto di itinerari tecnici low input; al recupero, caratterizzazione e valorizzazione di popolazioni locali siciliane di frumento duro e tenero e di segale. E’ coinvolto in diversi progetti di ricerca finanziati da Enti italiani e dall’Unione Europea, ed ha pubblicato oltre 75 lavori. Svolge anche attività didattica, come professore aggregato di “Agronomia e coltivazioni erbacee” (corso integrato Produzioni vegetali), nel corso di laurea in “Scienze e Tecnologie Alimentari” (L26) e di "Agronomia Ambientale ed Ecologia" (corso integrato Botanica e Agronomia ambientale), nel corso di laurea in "Pianificazione e Tutela del Territorio e del Paesaggio" (L21).

Progetti di ricerca recenti:

“Putting halophytes to work - From genes to ecosystems” - EU-COST 219/09, Action FA0901.

“Legume-supported cropping systems for Europe” (Legume-futures) - EU-FP7-KBBE.

“Sviluppo tecnologico e innovazione per la sostenibilità e competitività della cerealicoltura meridionale” (ISCOCEM) - PON01_01145/8;

“Valorizzazione di prodotti tipici della Dieta Mediterranea e loro impiego a fini salutistici e nutraceutici” (DiMeSa) -  PON02_00451_3361785.

“Caratterizzazione della segale (Secale cereale L.) per la valorizzazione del parco dell'Etna” - Ente Parco dell’Etna (Nicolosi,  CT).

"Caratterizzazione morfo-bio-agronomica, ‘mantenimento in purezza’ e riproduzione della semente della cultivar autoctona siciliana di frumento duro ‘Russello Ibleo’ ” - Azienda Agricola UNA GARLANDA di STOCCHI FRATELLI & C. (Rovasenda - VC).

“Gestione sostenibile delle cover-crop in un frutteto mediterraneo” (WP 2), Progetto di ricerca “Sostenibilità del processo produttivo in filiere rappresentative dell’agricoltura mediterranea: innovazioni biologiche, tecniche ed agronomiche” -  PIANO TRIENNALE DELLA RICERCA Università di Catania.

ANNO ACCADEMICO 2018/2019


ANNO ACCADEMICO 2017/2018


ANNO ACCADEMICO 2016/2017


ANNO ACCADEMICO 2015/2016

Colture erbacee da pieno campo, sistemi colturali, stress abiotici, adattabilità ambientale, fenologia, ecofisiologia, produttività, qualità, nutraceutica, materie prime industriali, residui industriali, sostenibilità.

Dall’aprile 2016 è componente del comitato tecnico-scientifico dell’Associazione "Simenza - Cumpagnia Siciliana Sementi Contadine", associata a Rete Semi Rurali.

Dal Dicembre 2016 è componente della Commissione di valutazione delle richieste di iscrizione al Registro Nazionale delle Varietà "da conservazione" di specie agrarie e orticole, istituita dalla Regione Siciliana.

Dal gennaio 2019 è membro della Giunta del Dipartimento di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente (Dì3A).